Al via la rassegna "Teatro & Territorio": appuntamenti fino all'autunno

VARESE - Il ricco cartellone si apre quest'oggi: da qui, fino al mese di ottobre, ben 25 spettacoli in programma per una rassegna dedicata quest'anno a Rudolf Laban. Coinvolti più di un centinaio di interpreti di tutte le età.

Puntuale come sempre debutta oggi, venerdì 20 marzo, la rassegna più creativa e coinvolgente di Varese, il Festival “Teatro & Territorio” 2015. “disperate vitalità” è il titolo della 20^ edizione di quello che è il primo festival internazionale delle arti performative creato a Varese e che il Teatro Franzato organizza e propone puntualmente ogni Primavera con numerosi, diversificati e interessanti eventi che coinvolgono come da tradizione un elevatissimo numero di partecipanti. 

Infatti il festival segue e conclude i vari percorsi laboratoriali dell'Accademia Teatro Franzato, giunta anch'essa quest'anno alla sua XX edizione di vita artistica, culturale e sociopedagogica, oltre a quelli attuati e condotti in altre scuole varesine, e ancora si integra e si sostanzia di collaborazioni con diversi artisti (locali e internazionali) delle arti sceniche (teatro, danza, poesia, musica, video, ecc.) per la creazione e la realizzazione degli spettacoli. 

Il festival, dedicato quest'anno a Rudolf Laban, ha un programma che include 25 eventi teatrali, culturali e formativi. Un Festival che, insieme alle attività dell'Accademia, ha sempre avuto un largo seguito sia di spettatori, sia di interesse da parte di studiosi e accademici, tanto da divenire modello per realtà teatrali sorte in questi ultimi anni, nonché oggetto di studio e tesi in vari Atenei italiani ed europei. 

Anche l'edizione 2015 è realizzata grazie alla collaborazione storica col Comune di Varese (Assessorato alla Famiglia, alla Persona e all'Università), sostenuta dall'Ambito Distrettuale Sociale di Varese, quale parte integrante del “Progetto Antares”, con il contributo del Consiglio Regionale della Lombardia e la Direzione Artistica e Culturale del regista-pedagogo Paolo Franzato. 

Apre il Festival il recital poetico musicale “Quattro quinte” con Valerio Baggio musicista, Riki Cellini cantante e Paolo Franzato attore. Riki Cellini, emblema della scena musicale varesina e Valerio Baggio, jazzista bergamasco definito da Paolo Fresu uno dei più promettenti giovani musicisti italiani, si confrontano con gli autori che hanno fatto grande la musica italiana, i cui testi delle canzoni verranno letti in forma poetica da Paolo Franzato, per celebrare in maniera insolita e raffinata la Giornata Mondiale della Poesia.

Il programma degli appuntamenti, che vede le collaborazioni anche con Budapest, Strasburgo e Belgrado, si svolgerà fino all'autunno 2015 all'insegna del teatro di ricerca, sperimentazione, contemporaneo, pedagogico, culturale e antropologico, con una particolare scelta dei testi drammaturgici, con autori del calibro di Aristofane, Pier Paolo Pasolini, Géza Szocs, Jean Tardieu, Karl Valentin, Daniel Pennac. In occasione del 40° anniversario della morte di Pier Paolo Pasolini, il regista Paolo Franzato ritorna all'autore tanto amato con la messa in scena di un suo testo inedito grazie alla rinnovata collaborazione e autorizzazione con l'erede Graziella Cerami. Le regie teatrali di Franzato sui testi pasoliniani sono state considerate tra le più interessanti tra quelle realizzate in Italia. Alle scritture sceniche della rassegna si accompagna sempre una direzione interpretativa, coreografica, scenografica e registica improntata all'insegna della autentica creatività e innovazione. 

Oltre un centinaio gli interpreti di tutte le età che si alterneranno in alcuni spazi varesini (Teatro Ucc Mario Apollonio, Teatro Gianni Santuccio, Bagatella, Palazzo Estense), accanto ad appuntamenti in teatri e biblioteche della provincia (Porto Ceresio, Marchirolo, Lavena Ponte Tresa, Cadegliano Viconago, Cunardo), e un evento al prestigioso palcoscenico milanese del Teatro Elfo-Puccini. Oltre a festeggiare la Giornata Mondiale della Poesia istituita dall'Unesco (che come tradizione si festeggia all'interno del festival), e l'assegnazione del Premio Attore Culturale 2015, verranno proposti presso la sede dell'Accademia 3 workshops sui temi della drammaturgia e della danza contemporanea. 

L'appuntamento di rilievo internazionale si svolgerà Domenica 10 maggio, ore 16.30, al Teatro Ucc “Mario Apollonio” di Varese dove sarà in scena lo spettacolo “La missione di Rasputin” del rinomato autore Géza Szocs, nonché Console Generale dell'Ungheria, che ha commissionato la direzione di questa sua nuova drammaturgia al regista Paolo Franzato, quale valido esponente del Teatro europeo contemporaneo. Un importante riconoscimento che corona i trent'anni di carriera dell'artista varesino. Questo progetto italo-ungherese coinvolge artisti di Budapest (l'autore Géza Szocs, i musicisti Tamara Mozes e Jànos Nagy, e il consulente compositore Janos Ujhazi) insieme ai brillanti interpreti dell’Accademia Teatro Franzato.