Gli imprenditori tunisini hanno deciso di puntare sulla Brianza

CASATENOVO - Dopo essere stati all'Expo alcuni imprenditori, insieme al Segretario Generale della Chambre Tuniso-Italienne de Commerce et d’Industrie di Tunisi, hanno incontrato il presidente del consorzio Brianza Che Nutre con lo scopo di instaurare rapporti commerciali.

In occasione della visita ad Expo della Tunisia, il Segretario Generale della Chambre Tuniso-Italienne de Commerce et d’Industrie di Tunisi, Nora Serrani ed alcuni imprenditori di Tunisi hanno incontrato ieri i vertici del Consorzio Brianza Che Nutre presso la sede del Consorzio Brianza che Nutre al fine di instaurare rapporti commerciali.
 
La delegazione, che ha dimostrato interesse per il settore agricolo, agroalimentare ed enogastronomico della nostra regione e in particolare della Brianza, è stata accolta da Rosa Adele Galbiati, presidente del Consorzio,  Filippo Galbiati, sindaco di Casatenovo, On. Veronica Tentori  e da Mara Kessler per la Camera di Commercio di Lecco, grazie alla quale è stata possibile l’organizzazione di questo significativo ed importante incontro, finalizzato a rafforzare il partenariato tuniso-italiano ed euro-mediterraneo per un settore chiave dell’economia tunisina: l’agro-alimentare.
 
“E’ un primo, concreto e  significativo risultato - ha dichiarato la presidente Rosa Adele Galbiati - che ci giunge da Expo. Un incontro importante finalizzato a rafforzare i  rapporti commerciali già in atto tra Italia e Tunisia in un settore chiave dell’economia: l’agroalimentare. La scelta di trascorrere una giornata in Brianza è un riconoscimento dell’eccellenza dell’attività agricola del nostro territorio, della capacità, della professionalità, della voglia di fare e sperimentare in agricoltura, che sta fortunatamente contagiando anche  tanti nostri giovani. I nostri produttori agricoli hanno positivamente accolto l’invito, così come alcune aziende di trasformazione alimentare e di commercializzazione di macchine agricole. Sta, inoltre, nelle finalità del nostro Consorzio creare relazioni commerciali, ma anche cooperazione, formazione, partenariato”.
 
“In Tunisia - così è intervenuta Nora Serrani, Segretario Generale della Chambre Tuniso-Italienne de Commerce et d’Industrie di Tunisi - il settore agroalimentare è molto forte ed è altrettanto forte la richiesta di know-how e attrezzature. Gli imprenditori qui presenti sono alla ricerca di partner nel settore import-export agroalimentare, per la trasformazione della frutta, olio, pesce, formaggi. Molta attenzione anche per i prodotti biologici, dei quali la Tunisia è il primo stato africano per gli appezzamenti terrieri dedicati. Sono numerosi i finanziamenti statali destinati a questo comparto, fondi per l’acquisto di macchinari che provengano dall’Italia, siamo qui oggi per cercare i nostri partner con i quali avviare solidi rapporti commerciali”.
 
“La Brianza dà il benvenuto alla Tunisia e spero - così ha proseguito il sindaco di Casatenovo, Filippo Galbiati - che questa giornata organizzata dalla Camera di Commercio di Lecco presso la sede del Consorzio  possa essere l’inizio di un percorso condiviso. Il futuro è nelle mani delle nuove generazioni per questo auspico che possa nascere anche un progetto nel campo della formazione scolastica, perché la conoscenza è un valore fondamentale”.
 
L'onorevole Veronica Tentori, componente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati ha affermato che "questa è l’occasione per creare e consolidare rapporti commerciali tra i nostri paesi. La Tunisia è una nazione che per la sua storia, cultura e vicinanza è legata alla nostra. Expo ha concretamente offerto delle opportunità per incontrarsi, permettendoci di profilare obiettivi di pace e dignità per il futuro di tutti. L’impresa agricola necessita di competenze sempre più forti e i nostri giovani ci incoraggiano in questo senso dato che nelle nostre università e scuole di agraria le iscrizioni aumentano ogni anno”.
 
“Siamo orgogliosi - ha concluso Mara Kessler della Camera di Commercio di Lecco - delle attività del Consorzio, progetto realizzato con il cofinanziamento di Regione Lombardia e Camera di Commercio di Lecco nell’ambito di Eco Smart Land. Sono certa che da questo incontro nasceranno sviluppi commerciali interessanti per l’economia del nostro territorio. La delegazione tunisina ha in programma anche un incontro focalizzato sulla produzione di formaggi a Pasturo”.