Violenza sessuale su minorenni: due persone nei guai

BUSTO ARSIZIO - Un ecuadoregno accusato di violenza sessuale sulla figlia di 7 anni, un uomo di 59 anni finito dietro le sbarre per oltre 4 anni di pena residua da scontare per violenza sessuale su minorenne

Un ecuadoregno di 44 anni residente a Busto Arsizio è stato arrestato nei giorni scorsi dagli agenti del Commissariato cittadino di Polizia, che hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le indagini preliminari.

L’uomo è accusato di violenza sessuale ai danni della figlia di sette anni. La triste vicenda di abusi consumati tra le mura domestiche è venuta alla luce quando la mamma della vittima, notando che la figlia accusava ricorrenti dolori e arrossamenti nella zona genitale, ha deciso di  portare la piccola in ospedale.

Il racconto della bambina e alcuni anomali comportamenti del marito notati dalla donna  hanno indotto la Polizia di Stato di via Ugo Foscolo e la Procura della Repubblica  a svolgere approfondite indagini, che hanno confermato l’ipotesi investigativa degli abusi sessuali.

Abusi tra l’altro consumati in un ambiente familiare già compromesso dall’atteggiamento violento e maltrattante dell’indagato che, spesso con la mente offuscata dall’alcool, sottoponeva a minacce e percosse moglie e figlia tanto che, durante le indagini, donna e bambina erano state allontanate d’urgenza dalla casa familiare e collocate in una struttura protetta.

Da qui la richiesta e l’adozione della misura cautelare, che ha portato lo straniero dietro le sbarre.

Martedì, invece, alle 17 gli agenti della Squadra Volante hanno proceduto all’esecuzione di un Ordine di Carcerazione, emesso dalla Procura Generale della Repubblica di Milano, nei confronti di un uomo di 59 anni, residente a Busto Arsizio, che doveva scontare la pena di anni 4, mesi 2 e giorni 28 di reclusione per violenza sessuale aggravata ed atti sessuali su minorenne.