Una dozzina di mezzi, cittadini spaventati: alla scuola era solo una prova di evacuazione

GALLARATE - L'allarme che suonava, il fumo che saliva. E poi l'arrivo di una dozzina di mezzi di soccorso: ma tutto ciò che è successo giovedì mattina alla scuola primaria "Leonardo da Vinci" era soltanto una prova di evacuazione.

Un notevole spiegamento di forze e cittadini increduli. Non c'è da temere: alla scuola primaria "Leonardo da Vinci", nella mattinata di giovedì 23, si è trattato soltanto di una prova di evacuazione.

L'allarme è scattato dopo le 9. Simulato con fumo artificiale un incendio al locale caldaia, i bambini, guidati dagli insegnanti, si sono ordinatamente portati nel giardino del plesso. Lì hanno assistito all’arrivo dei soccorritori del Distaccamento Vigili del Fuoco Volontari di Gallarate, del Nucleo Protezione Civile Carabinieri in Congedo, della Croce Rossa, della Polizia Locale, della Protezione Civile Parco del Ticino, dell’Associazione Radioamatori Italiani e della Caserma Carabinieri di Gallarate. 

Gli operatori hanno effettuato i sopralluoghi del caso e trovato una giovanissima dispersa, unica in tutta la scolaresca a essere informata dell’esercitazione col compito di separarsi dai compagni di classe allo scattare dell’ora x.

L’evacuazione, che ha testato il piano di evacuazione della scuola, è arrivata al termine di un corso effettuato in alcune classi dal Nucleo Protezione Civile Carabinieri in Congedo. Terminata la simulazione, i bambini hanno potuto confrontarsi con gli operatori del soccorso, fare domande, visionare mezzi e dotazioni, in qualche caso sperimentare strumenti come alcoltest, sirene ed elmetti.

Sul posto sono intervenuti una dozzina di mezzi fra ambulanze, gazzelle, veicoli antincendio, uffici mobili e colonna mobile per le radiocomunicazioni dell’Air.