Un etto di hashish sotterrato in mezzo ai fiori: arrestato il sorvegliato speciale

CASTELLANZA - Per la giustizia era stato sottoposto alla sorveglianza speciale, ma lui si sentiva comunque al sicuro. Tanto da custodire nella sua abitazione un etto di hashish e il bilancio per il confezionamento delle dosi. Il trentacinquenne è stato arrestato

Sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno a Castellanza nascondeva in casa più di un etto di hascisc. La scoperta è stata fatta dagli agenti del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio, ai quali è arrivata la notizia che il pregiudicato, un italiano di 35 anni che ha recentemente trasferito a Castellanza il proprio domicilio, nonostante la misura di prevenzione e i controlli ai quali viene quotidianamente sottoposto, nascondeva in casa un discreto quantitativo di “fumo” destinato allo spaccio.

Nei giorni scorsi i poliziotti si sono presentati nella sua abitazione e hanno effettuato una perquisizione. Il trentacinquenne, probabilmente per evitare la prosecuzione dell’atto di polizia giudiziaria, ha subito e spontaneamente consegnato agli agenti alcune dosi di hashish e marijuana, una decina di grammi in tutto, che però non hanno ingannato gli uomini in divisa.

La ricerca infatti è proseguita e poco dopo i poliziotti hanno trovato, interrati in una fioriera sul balcone, nove ovuli di hascisc per un peso complessivo di circa 100 grammi. Nascosto dietro una presa elettrica in bagno, è stato anche recuperato un mini bilancino elettronico, chiaramente destinato alla pesatura delle dosi da rivendere. L’uomo è stato arrestato per la detenzione della droga destinata allo spaccio e per la violazione della misura di prevenzione.