Un anziano e i suoi venti uccellini stroncati dal monossido di carbonio

SESTO CALENDE - Quando i soccorritori sono stati chiamati sul posto, ieri poco dopo mezzogiorno, ormai non c'era più nulla da fare: un pensionato di 67 anni, residente nella frazione di Oneda, è morto a causa del monossido di carbonio

Camion dei Vigili del Fuoco - Prato - Italia

Un uomo di 67 anni e venti uccellini. Tutti stroncati dal monossido di carbonio che, silenzioso e letale, ci consegna un'altra vittima in questo inizio 2017 andando a colpire in un'abitazione di Sesto Calende.

Ieri poco dopo mezzogiorno l'intervento in via del Nocciolino, nella frazione di Oneda, da parte dei Carabinieri dei Gallarate. Con loro anche i tecnici dell'Ats (ex Asl) e dei Vigili del fuoco di Somma Lombardo. Questi ultimi, a loro volta, comprendendo la situazione e la pericolosità, hanno fatto arrivare sul posto quelli dell'Nbcr, il Nucleo biologico chimico e radiologico, specializzato in questo tipo di operazioni.

Dopo aver messo in sicurezza l'area hanno fatto il loro ingresso nell'abitazione trovato il corpo del pensionato ormai privo di vita. La causa è stata il monossido di carbonio che si è diffuso nell'ambiente a causa del malfunzionamento della stufa. Morti, insieme a lui, anche i venti uccellini che teneva nella voliera.