Trentacinque anni di maltrattamenti alla moglie: il giudice lo caccia di casa

VARESE - Dopo più di 35 anni di maltrattamenti moglie e figlia hanno trovato la forza di denunciare un 68enne. La Polizia, nella giornata di lunedì, ha notificato all'uomo il provvedimento di allontanamento da casa, firmato dal Gip, e il divieto di avvicinarsi alle due donne.

Per più di trentacinque anni, dal giorno del matrimonio, secondo la Procura ha maltrattato la moglie e, successivamente, anche la figlia: il Gip (Giudice per le indagini preliminari) nella giornata di lunedì, ha disposto l'allontanamento da casa di un uomo di 68 anni.

Il provvedimento, richiesto dal Pm Sabrina Ditaranto, è stato notificato dalla Polizia di Stato. L'ordinanza di custodia cautelare prevede non solo l'allontanamento dalla casa familiare ma anche il divieto di avvicinamento alle due donne.

La moglie, ora di 69enne, e la figlia di 37 anni, dopo aver subito per decenni continui maltrattamenti, si sono fatte coraggio e hanno deciso di raccontare tutto e di denunciare l'uomo. I maltrattamenti, che si sono protratti per più di 35 anni, consistevano in gravi episodi di violenza sia fisica che psicologica ai danni delle due donne, con la moglie che spesso ha dovuto ricorrere alle cure del Pronto Soccorso e a lasciare l'abitazione per andare a pernottare in albergo per sottrarsi all'ira quasi quotidiana del marito.