Marijuana coltivata in cantina: diciannovenne denunciato

CASTELLANZA - Un giovane residente in città è stato denunciato giovedì dagli uomini della Squadra investigativa della Polizia di Busto Arsizio. L'accusa è di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti: in cantina coltivava 5 piante di marijuana, altra droga in casa.

Nell’ambito delle attività investigative finalizzate al contrasto del fenomeno dello spaccio di stupefacenti, nella serata di giovedì gli agenti della squadra Investigativa del Commissariato di Busto Arsizio hanno bussato alla porta di un giovane di 28 anni, residente in città, individuato come abituale venditore di stupefacente.

Giunti nelle cantine, gli agenti hanno immediatamente percepito un fortissimo odore di marijuana ed il rumore di una ventola, elementi che hanno fatto subito ipotizzare la presenza di una vera e propria piantagione.

Poco dopo è arrivato il giovane, alla presenza del quale gli agenti hanno fatto ingresso nella cantina facente parte dell’appartamento dove, oltre all’odore di stupefacente sempre più forte, hanno notato un armadio telato con una luce intensa accesa e le ventole per l’aerazione, oltre a tutto quanto necessario ad una sana e proficua coltivazione, come terriccio, bottiglie d’acqua e liquido concimante.

All’interno dell’armadio sono state trovate 5 piante di marijuana, alte circa 60 centimetri. Nell'abitazione, inoltre, in una scatola di scarpe erano custoditi circa 38 grammi di marijuana non essiccata e circa 1 etto di sostanza già pronta per l’uso.

Sequestrato lo stupefacente, il giovane è stato denunciato per detenzione al fine di spaccio di sostanze stupefacenti.