Maltratta moglie e figlio, il giudice gli fa la sorpresa di Pasqua e lo allontana da casa

GALLARATE - Marito e moglie si erano ormai separati. Ma lui, quarantenne pluripregiudicato, non se n'era andato di casa e continuava a maltrattare lei e il figlio minorenne. Lo ha mandato via il giudice, con l'intervento della Polizia di Stato

Lui e la moglie, di fatto, erano ormai separati. Ma continuavano a vivere sotto lo stesso tetto nell'abitazione di Gallarate. E, purtroppo, non erano cambiate nemmeno le abitudini. Visti i continui maltrattamenti nei confronti della donna e del figlio, è intervenuto il giudice: sabato un quarantenne è stato allontanato di casa direttamente dal giudice.

Alla vigilia della festività, infatti, hanno bussato alla porta di casa gli agenti del Commissariato cittadino della Polizia di Stato per dare esecuzione all'ordinanza richiesta dal Sostituto Procuratore Maria Cardellicchio ed emessa dal Giudice per le indagini preliminari Nicoletta Guerrero.

Non è nuova, purtroppo, la storia dei maltrattamenti in quella famiglia. I primi episodi denunciati alle forze dell'ordine risalgono al 2015. Proprio in virtù di questo atteggiamento da parte del pluripregiudicato, la coppia era arrivata alla separazione. Lui, tuttavia, non si era allontanato da casa continuando a mantenere un comportamento molto violento nei confronti della donna ed anche del loro figlio minore.  

La donna, esasperata e terrorizzata dalla situazione in cui era caduta, ad inizio anno ha trovato il coraggio di rivolgersi alla Polizia recandosi al Commissariato. Gli agenti, a più riprese, l’hanno ascoltata e raccolto gli elementi di reato, dettagliatamente comunicati alla Procura della Repubblica di Busto. Fino ad arrivare all'allontanamento dell'ex marito su decisione del giudice.