La moglie si sta separando, lui cerca di speronarla con l'auto

BUSTO ARSIZIO - Ha atteso che tornasse a casa la moglie dalla quale si sta separando. Domenica sera un uomo di 42 anni, dopo aver tentato si speronarla mentre era insieme al nuovo compagno, è stato arrestato dagli agenti della Polizia di Stato

Un italiano di 42 anni residente in un comune della Valle Olona è stato arrestato domenica 19 marzo dalla Volante del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio, che lo ha fermato nella flagranza del reato di atti persecutori nei confronti della moglie dalla quale si sta separando.

Il caso era già noto ai poliziotti di via Ugo Foscolo che nei primi giorni del mese avevano ricevuto la denuncia della donna. Questa aveva raccontato che, a seguito della decisione di interrompere il rapporto coniugale, il marito, non accettando  la separazione, pur lasciando il tetto coniugale aveva iniziato a indirizzarle una sequela di minacce di morte (“sono i tuoi ultimi giorni… devi morire…ti vengo a prendere… ti brucio viva”) e di offese, giungendo ad aggredirla fisicamente tanto da provocarle delle lesioni e a romperle occhiali e cellulare.

L’epilogo risale appunto alla scorsa domenica quando, in tarda serata, nel rincasare in auto con il nuovo compagno la donna si è accorta che l’ex era appostato vicino a casa sua.  La donna e l’accompagnatore hanno cercato di distanziare lo stalker, ma questo ha iniziato a inseguirli in auto effettuando manovre molto pericolose – tanto da impegnare una rotatoria e una via contromano incurante delle altre macchine – ha tentato di raggiungerli e speronarli e, contemporaneamente, ha inviato messaggi minatori col cellulare.

La donna, terrorizzata, si è diretta verso il Commissariato e nel frattempo ha chiamato la sala operativa descrivendo la terribile situazione.

La Volante, seguendo le indicazioni della vittima, ha intercettato la vettura dell’inseguitore, l’ha fermata e ha arrestato l’uomo nella flagranza di atti persecutori.


Vuoi ricevere le notizie nella tua mail? Iscriviti alla newsletter: clicca qui