La mascotte del 112 arriva da Varese

VARESE - Sono gli alunni della classe quinta dell'istituto comprensivo "IV Novembre" gli ideatori di Nuhelper, la mascotte ufficiale del 112. La presentazione è avvenuta nei giorni scorsi a Palazzo Lombardia alla presenza del Vicepresidente della Regione Mario Mantovani.

"Ogni novità, ogni opportunità, per essere adeguatamente conosciuta e sviluppata, deve passare dai nostri ragazzi. Loro sono i primi testimonial della buona politica, quando questa si traduce in azioni e servizi realmente efficaci. L'ideazione della mascotte 'Nuhelper' è stata chiesta proprio ai ragazzi, per avvicinare i cittadini al nuovo 112". Lo ha detto il vice presidente e assessore alla Salute di Regione Lombardia Mario Mantovani, nel corso della presentazione, a Palazzo Lombardia, di 'Nuhelper', la mascotte del NUE 112, ideata dalla V elementare della scuola IV Novembre I.C. di Varese, che si è aggiudicata la vittoria del concorso, indetto dall'Areu.
 
'Nuhelper' (da 'NUE', Numero Unico Europeo e 'HELPER', aiutante) è una sorta di polipo con quattro tentacoli (Carabinieri, Polizia, Vigili del Fuoco e Soccorso sanitario), altrettante bocche fatte a forma di cornetta telefonica e un cappellino sagomato come una luce di allarme, che si accende e spegne come sui mezzi di emergenza. L'adesione al concorso ha consentito agli alunni di rendersi protagonisti del processi di diffusione della conoscenza del NUE 112.
 
Il NUE in Lombardia è strutturato su 3 call center (Milano, Varese e Brescia) che si occupano di filtrare le chiamate inopportune, che non hanno il carattere di urgenza, delle 3 macro aree geografiche che contano circa 3 milioni di abitanti ciascuna.

 Il vice presidente ha approfittato della presenza dei ragazzi per ricordare la App 'Where Are U', presentata nel luglio scorso in Prefettura da AREU. "La app di Areu - ha spiegato l'assessore Mantovani - collegata alle Centrali, consente di effettuare una chiamata di emergenza al servizio NUE 112, attraverso il proprio smartphone, con il contestuale invio della posizione esatta del chiamante. Il servizio è totalmente gratuito e disponibile per tutti. Un importante messaggio da Regione Lombardia, che sicuramente farà sentire più sicuri i vostri genitori perché in situazioni di emergenza diventa essenziale poter intervenire rapidamente".