La compagna lo lascia, lui le telefona 120 volte in un giorno: "Ti taglio la gola"

VARESE - I Carabinieri della Compagnia di Desio (Mb) hanno arrestato un uomo di 36 anni residente a Varese. Lo stalker, lasciato dalla sua compagna, non aveva mai accettato la fine della relazione ed era arrivato a telefonarle 120 volte in un giorno per minacciarla di morte

Ricevere una telefonata dal papà del bambino che porti in grembo può anche essere piacevole per una donna. Ma quando invece di una diventano anche 120 al giorno e con minacce di morte, la situazione si fa davvero pesante. La donna trentasettenne, residente a Desio (Mb), ormai esausta e spaventata si è rivolta ai Carabinieri che hanno arrestato lo stalker.

Il protagonista è un uomo di 36 anni, residente a Varese, che non ha mai accettato di essere lasciato da quella donna con la quale aveva sognato di trascorrere la sua esistenza e che, a breve termine, dovrebbe anche dare alla luce un bambino frutto di quello che era stato il loro amore.

Impotente di fronte alla decisione della compagna, ha reagito in modo violento. Con minacce: "Ti taglio la gola". Oppure "Ti ammazzo" o, ancora, "Ti butto giù dal balcone".

Lei terrorizzata, ritenendolo a quel punto capace di tutto, già in primavera si era rivolta ai Carabinieri, ottenendo dal giudice l'emissione di un divieto di avvicinamento a carico dell'uomo. Provvedimento che, purtroppo, si era rivelato inutile tanto da spingere l'autorità giudiziaria a decidere di ricorrere nel mese di agosto agli arresti domiciliari.

Lui, tuttavia, non ha mutato atteggiamento. Nei giorni scorsi, dopo un altro litigio accompagnato da minacce, lei ha alzato ha preso in mano il telefono e ha chiamato i Carabinieri. Per l'uomo si sono aperte le porte del carcere.