Furto su automobile: marocchino irregolare in manette

GALLARATE - A modo tutto suo era un imprenditore: perché i soldi rubati sull'automobile in via Gobetti, circa cento euro, li ha reinvestiti giocando alle slot machine in un bar. Un marocchino, irregolare sul territorio italiano, è stato arrestato nei giorni scorsi dalla Polizia.

Nei giorni scoesi gli agenti della Squadra Volante del Commissariato di Polizia di Gallarate hanno arrestato un ventinovenne marocchino, con dimora in provincia di Varese, irregolare sul territorio (non aveva rispettato l'ordine di lasciare l'Italia ed è già stato segnalato all’autorità giudiziaria), già noto alle forze dell’ordine per i suoi precedenti per furto e stupefacenti.

L’uomo è stato rintracciato nei pressi di una sala slot, intento a giocare, nel corso di un controllo notturno da parte degli agenti, e sottoposto ad un normale controllo d’identità. Insospettiti dal suo atteggiamento nervoso hanno approfondito i motivi della sua presenza ed avviato la verifica sull’effettiva esistenza di un permesso di soggiorno.

Hanno così appurato che poco prima aveva declinato l’identità del fratello e non la propria allo scopo di evitare conseguenze con la Polizia, ma soprattutto, operando una perquisizione personale, hanno scoperto che aveva con sé un portafoglio con documenti di un gallaratese residente in via Gobetti e poco contante, dei quali davvero non sapeva spiegare il possesso.

Inoltre, particolare di non poco conto, scoprivano tra le pieghe degli abiti un frammento di vetro, ed in una delle tasche un paio di robusti guanti in cotone, noti ottimi strumenti per proteggersi nel corso delle effrazioni.

Poco dopo, a conferma dei loro sospetti, gli agenti hanno condotto l’uomo in via Gobetti, dove hanno scoperto le evidenti rotture dei cristalli ai danni di due furgoni e di un’autovettura; a qual punto egli stesso ha ammesso di esserne il responsabile e di essersi appropriato di circa cento euro complessivi, ritrovati a bordo, che aveva poi deciso di investire nel gioco alla sala slot dove gli agenti l’avevano poco prima rintracciato.

Mentre i proprietari venivano subito avvertiti e constatavano amaramente i danni, l’uomo è stato condotto in Commissariato e arrestato. E' stato poi processato per direttissima al Tribunale di Busto Arsizio.