Entra in Italia, subito arrestato: era ricercato in tutta Europa

VARESE - E' entrato in Italia dal valico Ligornetto-Clivio convinto che non fosse controllato. L'errore gli costerà caro: un romeno di 23 anni, colpito da mandato di arresto europeo, è stato subito consegnato alla giustizia

E' entrato in Italia pensando di farla franca: un romeno di 23 anni, colpito da mandato di arresto europeo per reati riguardanti l’uso di documenti d’identità contraffatti, venerdì mattina è stato subito consegnato alla giustizia dagli agenti della Polizia di Stato della Squadra Mobile di Varese e della Polizia Locale del Monte Orsa

L’arresto è avvenuto nell’ambito di un servizio congiunto tra la Polizia di Stato e la Polizia Locale del Monte Orsa, finalizzato all’intensificazione dei controlli dei valichi di frontiera e al contrasto dei reati commessi in prossimità dei confini con la Svizzera. L’arrestato, infatti, aveva appena fatto ingresso in Italia tramite il valico Ligornetto-Clivio, convinto erroneamente di poter eludere qualsiasi controllo di frontiera,  a bordo di un’autovettura con targa tedesca insieme a due suoi connazionali destando sospetto negli agenti che stavano effettuando i controlli congiunti.

Immediatamente, il personale della Polizia Locale ha provveduto a fermare  il veicolo ed il personale della Squadra Mobile della Polizia di Stato ha svolto gli opportuni accertamenti di approfondimento sull’identità dei fermati. Sono bastati pochi minuti per accertare l’esistenza di un mandato d’arresto europeo emesso a carico di uno dei tre ragazzi.