Due arrestati e due denunciati: quattro persone nei guai per la droga

BUSTO ARSIZIO - Continua l'attività della Polizia di Stato contro lo spaccio delle sostanze stupefacenti. Nei giorni scorsi gli agenti hanno arrestato due pusher italiani. Altri due invece sono stati denunciati a piede libero

Due uomini arrestati e altri due denunciati per droga in due giorni: è questo il bilancio dell’attività svolta nelle ultime 48 ore dalla Volante del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio. Il primo a  finire in manette, la sera di lunedì 21 novembre, è stato un quarantaseienne italiano incensurato. Nel garage della sua abitazione in via Salvo D’Acquisto i poliziotti, che vi hanno effettuato una perquisizione dopo aver raccolto notizie su un’attività di spaccio, hanno trovato circa 85 grammi di hascisc, un bilancino, materiale per confezionare le dosi e la somma di 2600 euro in pezzi da 50, probabile frutto della vendita del “fumo” visto che l’uomo è disoccupato.

Il secondo arresto  è stato invece effettuato la sera del 22 novembre, quando la pattuglia ha incrociato in piazza Plebiscito un diciannovenne italiano residente a Lonate Pozzolo. Gli agenti hanno deciso di controllarlo anche perché si tratta dello stesso giovane che lo scorso 29 ottobre era stato arrestato perché sorpreso all’interno della stazione FS con droga e soldi falsi. Come in quella occasione, anche ieri la sua reazione al controllo è stata veemente: dopo aver cercato di fuggire ed essere stato raggiunto, ha opposto una forte resistenza tanto da causare agli agenti lievi lesioni. Il motivo di tale comportamento è stato presto svelato, poiché negli slip nascondeva 60 grammi di hascisc divisi in dodici dosi. Per lui è scattato il secondo arresto in meno di un mese per detenzione di sostanza stupefacente destinata allo spaccio, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Ad essere denunciati a piede libero sono stati infine  due italiani residenti in città, rispettivamente di 41 e 30 anni, trovati con 45 e  e 32 grammi di hascisc e  materiale per il confezionamento e il commercio delle dosi.