Doveva trovarsi in carcere: romeno scovato in cantiere mentre faceva il manovale

GORLA MAGGIORE - Dopo aver commesso alcuni furti ed essere stato trovato in possesso di materiale rubato, era stato condannato dal tribunale. Lui, però, nel frattempo aveva cambiato provincia e si era trovato un posto di lavoro: il manovale romeno è stato scovato dalla Polizia di Stato e portato in carcere

Un romeno di 36 anni residente in provincia di Treviso, destinatario di un ordine di carcerazione conseguenza di una condanna definitiva per furti e ricettazione pendente dal mese di luglio del 2015, è stato rintracciato e arrestato dagli uomini del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio in un cantiere di Gorla Maggiore.

Alle 19.30 di martedì alla sala operativa del Commissariato è arrivata la segnalazione, originata dalla banca dati “alloggiati web” del Dipartimento della Polizia di Stato, che tra i clienti di in una struttura ricettiva della Valle Olona vi era lo straniero e che lo stesso era da catturare dovendo espiare un anno e otto mesi di reclusione per reati contro il patrimonio.

Le pattuglie hanno subito raggiunto l’albergo, scoprendo però che il romeno era assente perché non ancora rientrato da Gorla Maggiore, dove in questo periodo lavorava come manovale. Immediata la deviazione della pattuglia che, raggiunto Gorla, ha individuato il cantiere e al suo interno il ricercato.

L’uomo è stato arrestato e condotto in carcere a Busto Arsizio