Baby corriere internazionale della droga a 11 anni

MALPENSA - Quando i finanzieri l'hanno vista scendere da sola dall'aereo proveniente dal Perù, con due grossi bagagli, si sono insospettiti: dai controlli è emerso che la bambina di 11 anni, residente in città, stava trasportando 2 chili di cocaina

Un viaggio intercontinentale in aereo da sola a 11 anni. Ma con due chili di cocaina nascoste tra la statua della Madonna e immaginette sacre. La bambina, residente a Cesate, è stata però scoperta dalla Guardia di Finanza al suo atterraggio a Malpensa. Sentito il Tribunale dei Minori, è stata affidata alla mamma.

Una storia davvero triste quella emersa l'altro giorno allo scalo aeroportuale, dove le Fiamme Gialle sono particolarmente impegnate a contrastare il fenomeno dei corrieri della droga, con un occhio di riguardo per i voli che provengono da alcune destinazioni. E quando hanno visto che tra i passeggeri partiti dal Perù con scalo a Madrid c'era una bambina che viaggiava da sola, hanno voluto vederci chiaro.

Insieme ai funzionari dell'Agenzia delle Dogane hanno pertanto deciso di procedere al controllo dei bagagli da stiva. Presi direttamente dal nastro trasportatore per non turbare la bambina. Poi hanno voluto dare un'occhiata anche allo zainetto utilizzato come bagaglio a mano. Hanno così scoperto che la piccola trasportava 12 oggetti che, all'apparenza sembravano solo artigianato sudamericano (monili in legno, quadri in stoffa con raffigurazioni sacre, una Madonna) ma che, in realtà, nascondevano complessivamente due chili di cocaina.

La sostanza stupefacente è stata sequestrata. La bambina, invece, interpellato il Tribunale dei Minori di Milano, è stata affidata alla mamma poiché quest'ultima non risulta avere carichi pendenti con la giustizia.