Quattro donne e una tredicenne violentate sul treno: arrestato dai Carabinieri

Stava viaggiando sul treno lungo la Lecco-Milano quando, giunto all'altezza di Arcore, ha palpeggiato nelle parti intime quattro donne correndo di vagone in vagone, più la figlia tredicenne di una di loro. Il nigeriano è stato arrestato dai Carabinieri a Sesto San Giovanni

Ha palpeggiato sul treno, all'altezza di Arcore, quattro donne e una tredicenne nelle parti intime. Poi è andato a masturbarsi su un altro vagone: un nigeriano di 23 anni è stato arrestato a Sesto San Giovanni dai Carabinieri della Compagnia cittadina. Dovrà rispondere di violenza sessuale e di atti sessuali con minorenne.

Davvero un viaggio assurdo quello avvenuto sul treno lungo la linea Lecco-Milano. L'extracomunitario, passando da un vagone all'altro, ha di volta in volta aggredito sessualmente quattro donne di età compresa tra i 35 e i 49 anni. Più una ragazzina di 13 anni, figlia di una delle vittime. Le ha palpeggiate nelle parti intime, mentre si abbassava i pantaloni.

Proprio nell'ultimo caso, quando ha violentato la mamma con la ragazzina, sono intervenuti altri passeggeri per bloccarlo: due marocchini, una senegalese e una donna di nazionalità italiana. Lui è comunque riuscito a liberarsi e a fuggire su un altro vagone.

Ormai, però, aveva i minuti contati. Appena il treno è arrivato a Sesto San Giovanni hanno fatto irruzione i Carabinieri, avvertiti telefonicamente dai passeggeri. Lo hanno individuato mentre si stava masturbando su un'altra carrozza.

Subito ammanettato, è stato portato alla casa circondariale di Monza e messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.