Legato e rapinato nella notte: i Carabinieri indagano sull'accaduto

VERDERIO - Un uomo aggredito nella notte quando ha aperto la porta della sua abitazione dopo aver sentito rumori. Poi legato con fascette di plastica e rapinato. E' quanto ha raccontato il diretto interessato ai Carabinieri, che ora cercano di far luce sull'accaduto.

Legato in casa con fascette di plastica e rapinato in piena notte. E' quanto un uomo di 54 anni residente in paese ha raccontato ai Carabinieri della Compagnia di Merate.

La vicenda risale a qualche notte fa quando, verso le 3.30, secondo la versione dell'uomo, durante il sonno è stato svegliato da alcuni rumori che provenivano dalla porta d'ingresso dell'abitazione.

Quando si è alzato per andare a verificare di cosa si trattava, una volta aperta la porta è stato aggredito da tre malviventi con il volto parzialmente travisato da cappellini o passamontagna. Secondo il racconto avevano accento straniero.

Subito lo hanno immobilizzato legandogli le mani con alcune fascette di plastica, poi hanno avuto il tempo di agire indisturbati per svaligiare l'appartamento e fuggire a piedi.

Una volta che si sono allontanati l'uomo, a cui erano state legate solo le mani, è riuscito a telefonare al 112 per richiamare sul posto le forze dell'ordine. Queste hanno anche provato a fare un giro nella zona, ma senza trovare apparentemente alcuna traccia della fuga dei rapinatori.

Sul posto è arrivato anche il Nucleo investigativo del Comando provinciale di Lecco. Indagini in corso per cercare di ricostruire l'accaduto.