In casa 21 chili di hashish: è considerato uno dei grossisti della droga

LECCO - Nel corso di altre indagini gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Lecco avevano scoperto l'esistenza di un grossista della droga. Sabato, con un blitz a Bovisio Masciago (Mb), l'hanno scovato: il marocchino di 49 anni, incensurato, custodiva 21 chili di hashish e 30 grammi di cocaina.

Quando le forze dell'ordine sono entrate in azione per una perquisizione domiciliare, non ha potuto accampare la solita scusa dell'uso personale: la droga trovata in casa ammontava a 21 chilogrammi. Il marocchino, un quarantanovenne residente in paese, è stato arrestato.

Ufficialmente padre di buona famiglia, che non aveva mai avuto alcun problema con la giustizia, per gli inquirenti è uno dei grossisti della droga sulle province di Monza, Lecco e Como.

Gli uomini della Squadra Mobile di Lecco sono arrivati a lui nell'ambito di altre indagini che avevano portato a sgominare una banda di pusher attivi sul Lario. Da quelle indagini, tuttavia, era anche emersa la figura di un fornitore di droga, sebbene ai tempi non fosse ancora chiara la sua identità.

Dopo essere riusciti ad aggiustare l'obiettivo e a focalizzare l'attenzione su di lui, gli agenti sabato si sono presentati nel centro cittadino per la perquisizione domiciliare: tra l'abitazione e il garage hanno trovato 21 chili di hashish, 30 grammi di cocaina, il materiale per il confezionamento della droga e più di 3 mila euro in contanti. E' stato accompagnato alla casa circondariale di Monza e messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.