I commercianti in rivolta: in piazza alcol, droga e anche sesso

COLICO - I commercianti della centralissima piazza Garibaldi, che si sono costituiti nel comitato "La Piazzetta", hanno scritto al sindaco una lettera per far presente una situazione di degrado che dura da un paio di anni: schiamazzi, alcol, droga, ma anche sesso.

"Dovremmo cercare un nuovo paese ove trasferire la nostra attività dove chi lavora, e paga le imposte, viene tutelato?" E' la domanda che i commercianti cittadini, dopo aver costituito il comitato "La Piazzetta", pongono al Comune attraverso una lettera che è stata inviata anche alla stampa. Sono commercianti esasperati quelli della centralissima via Garibaldi. 

Nella lettera descrivono una situazione molto simile a quella delle periferie di città degradate: la piazza che diventa sì luogo di ritrovo, ma per bere e abbandonare le bottiglie, fare schiamazzi importunando cittadini e clienti, drogarsi. E, in orari serali, anche per fare sesso.

E stando ai commercianti la situazione non è purtroppo limitata alle ultime settimane: nella lettera si fa presente che continua così da due anni, caratterizzati dalla maleducazione dell'inciviltà "di un gruppo di animali, definirle persone sarebbe un complimento".

Dopo lo scritto di denuncia e la constatazione che la situazione perdura da tempo senza vedere alcun miglioramento, la domanda che un sindaco non vorrebbe mai sentirsi fare: da imprenditori bisogna scegliere di andare altrove?