Furti al salumificio Vismara per 50 mila euro: due in carcere

CASATENOVO - A novembre gli agenti della Polizia di Stato erano intervenuti allo stabilimento Vismara: arrestato il guardiano, mentre due complici erano riusciti a fuggire speronando la pattuglia. L'attività investigativa, però, ha permesso di risalire alla loro identità. Ieri sono finiti in carcere

Responsabili di furti  e rapina al Salumificio Vismara di Casatenovo: due monzesi di 48 e 49 anni ieri mattina sono stati raggiunti dai poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Lecco: sono state notificate ed eseguite due ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lecco a seguito dell'attività investigativa coordinata dal Sostituto Procuratore Paolo Del Grosso.

In particolare l’attività ha avuto inizio a seguito di denuncia di numerosi furti subiti dalla società Vismara - gruppo Ferrarini, di prodotti alimentari di vario genere dallo stabilimento di Casatenovo, per un valore complessivo alla vendita di circa 50 mila euro.

Nel mese di novembre scorso c’era stato un primo intervento in flagranza di reato a seguito del quale era stato arrestato un uomo di 40 anni, che aveva mansioni di guardiano notturno e diurno dell’azienda e che faceva da palo. In quella circostanza i compici, speronando un’auto della polizia, si erano dati alla fuga, procurando lesioni non  gravi agli agenti intervenuti.

Le indagini,  supportate  da attività tecniche di varia natura hanno consentito di individuare i due complici e le loro modalità operative. Il guardiano, quando faceva le notti,  consentiva ai due complici di  entrare da un varco creato nella recinzione esterna, che poi  veniva richiuso, in un punto non coperto dalle telecamere interne di videosorveglianza, per consentire loro di  agire indisturbati e di caricare la merce rubata sui mezzi.

I responsabili, residenti in provincia di Monza Brianza, a seguito delle formalità di rito sono stati condotti al carcere di Monza e messi a disposizione dell'autorità giudiziaria.