Cellulari rubati all'Unieuro: 28 persone denunciate

MERATE - Al termine di un difficoltoso lavoro di indagini i Carabinieri hanno denunciato 28 persone con l'accusa di ricettazione: sono quelli che, a vario titolo, sono entrati in possesso di telefonini o tablet risultati rubati il 30 settembre 2014 in occasione della spaccata all'Unieuro.

Qualcuno l'aveva in mano forse per rivenderlo, altri forse erano acquirenti convinti di aver trovato l'affarone della loro vita acquistando smartphone o tablet a prezzi da urlo: sono 28 le persone denunciate ieri dai Carabinieri perché in possesso di pezzi rubati all'Unieuro lo scorso anno.

Il furto era avvenuto il 30 settembre 2014 quando ignoti erano riusciti a sfondare le vetrine e ad arraffare in pochissimi minuti tutto il materiale possibile tra smartphone e tablet. Per un valore complessivo di diverse migliaia di euro.

I militari si sono subito messi alla ricerca dei malviventi, anche seguendo le tracce lasciate dai cellulari, ovvero i codici Imei ma anche risalendo alle celle a cui si erano agganciati durante il loro funzionamento.

Al termine delle indagini 28 persone sono state denunciate, residenti nelle provincie di Monza e Brianza, Bergamo, Brescia e Milano. Una decina di apparecchi sono stati recuperati e restituiti al legittimo proprietario.