Allunga le mani con le dipendenti: commerciante arrestato per violenza sessuale

VIGANO' - Un commerciante di 42 anni è finito agli arresti domiciliari su disposizione del Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lecco. Secondo l'accusa avrebbe palpato le tre dipendenti. Ora dovrà rispondere di violenza sessuale

Per le sue dipendenti aveva proprio un debole. Ma inteso nel senso peggiore del termine: il commerciante, residente a Viganò Brianza, secondo l'accusa avrebbe allungato le mani per palparle. E' stato arrestato dai Carabinieri e ora si trova agli arresti domiciliari. Davanti al giudice risponderà di violenza sessuale aggravata e continuata.

Così ha deciso il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lecco al termine delle indagini svolte dai Carabinieri della Compagnia di Merate. A loro si erano rivolte ai primi di settembre le tre dipendenti per raccontare di atteggiamenti molesti da parte del datore di lavoro.

Avances, ma anche palpeggiamenti. Pare anche in presenza di altre persone. Un atto che, fastidioso per chi lo subisce, per la legge corrisponde alla violenza sessuale.