Il resort di lusso ai Caraibi è una truffa: maxi sequestro della Finanza da 18milioni di euro

BUSTO ARSIZIO - I militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Varese ieri mattina hanno dato esecuzione all'ordinanza di custodia cautelare che ha colpito sette persone. Sequestrati beni per 18 milioni di euro. Si chiude così il sogno del resort di lusso ai Caraibi

A duecento persone avevano regalato un sogno: un resort extra lusso ai Caraibi. Sette persone, su ordine della Procura di Busto Arsizio, nella prima mattinata di ieri sono state portate in carcere dalla Guardia di Finanza. Sequestrati beni, quote societarie e conti correnti per un valore complessivo di 18 milioni di euro.

E' l'esito dell'operazione "Puerto Azul", dal nome della holding con sede ufficiale nelle Bahamas, che era riuscita a coinvolgere investitori e semplici cittadini nel progetto dalla realizzazione di un lussuosissimo resort nel Belize. Pur sapendo che in quell'atollo reclamizzato attraverso il sito Internet ufficiale non è nemmeno possibile costruire in quanto considerato area protetta.

Di fatto i soldi raccolti, utilizzando anche l'immagine di star internazionali quali Andrea Bocelli e John Travolta, del tutto oscuro alla vicenda e semplicemente fotografati a una festa a Cannes, finivano soltanto nelle tasche dei componenti dell'organizzazione. Un'organizzazione criminale su scala internazionale, avendo basi in Italia e nei Caraibi, ma anche in Svizzera, Gran Bretagna e Lussemburgo.

Le accuse, a vario titolo, sono quelle di truffa aggravata, appropriazione indebita, abusiva attività finanziaria e bancaria, sollecitazione e raccolta abusiva del risparmio, ostacolo alle funzioni di vigilanza, riciclaggio, autoriciclaggio, circonvenzione di incapaci, falso in atti e sostituzione di persona.