Valico di Brogeda: respinti 5 somali con documenti falsi

COMO - Erano a bordo di un pullman diretto in Germania, ma erano in possesso di documenti falsi: cinque somali, respinti dalle autorità elvetiche, sono stati denunciati dalla Polizia di Frontiera. Con loro a luglio sono 37 le persone arrivate al confine con documenti fasulli.

Proseguono i respingimenti di cittadini stranieri irregolari alla frontiera italo-svizzera, attività che vede in prima fila la Polizia di Stato. Sabato mattina al valico di Brogeda, a bordo di un pullman diretto in Germania, le autorità elvetiche hanno rintracciato 5 cittadini somali con documenti italiani di dubbia autenticità, i quali non intendevano chiedere asilo in Svizzera, per non precludersi la possibilità di farlo una volta giunti nel paese metà del loro viaggio.

Gli stranieri sono stati quindi consegnati alla Polizia di Frontiera di Ponte Chiasso che che ha accertato come i documenti nella loro disponibilità, permessi di soggiorno apparentemente rilasciati dalla Questura di Roma, erano totalmente falsi e quindi sottoposti a sequestro.

La Polizia ha quindi denunciato i cinque stranieri per possesso di documenti falsi. Nel solo mese di luglio la Polizia di Frontiera ha sequestrato 37 documenti non genuini ad altrettanti stranieri nel tentativo di attraversare la frontiera.