Polizia: un mese nelle scuole dedicato alla legalità

COMO - Polizia di Stato impegnata nelle scuole. Nessuna emergenza, fortunatamente, quanto un'intensa attività dedicata all'incontro con gli alunni per parlare di legalità a ogni livello. Prevenire, soprattutto in questo campo e quando si tratta di minori, è sempre un'attività fondamentale.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Nell’ambito dei progetti di educazione alla legalità, la Polizia di Stato della Questura di Como organizza incontri con gli studenti delle scuole comasche per sensibilizzare i ragazzi su temi quali: l’uso di droghe, bullismo e microcriminalità, sicurezza stradale e sicurezza informatica.

Anche quest’anno le tante richieste ricevute hanno portato all'organizzazione di numerosi incontri: lunedì 13, presso l’associazione ex libris di via Borgovico, 35 Como, si è svolto un incontro organizzato in collaborazione con l’associazione Stecca, sulla prevenzione di truffe su internet, in casa e in strada; mercoledì 15 c/o l’istituto Sant’Elia di Cantù si è parlato di sicurezza stradale e c/o l’I.C. di Como Centro si è tenuto un incontro per il progetto “Icaro” relativo alle regole da rispettare in bici; lo stesso giorno, c/o il liceo scientifico “P. Giovio” di Como si è discusso di cyberbullismo mentre, c/o l’I.S.I.S. “G.D. Romagnosi” di Erba si è affrontato il tema del bullismo e della legalità; giovedì 16 c/o la scuola infanzia “Luca Mauri” di Tavernola i bambini hanno potuto vedere da vicino i mezzi di trasporto della polizia;  venerdì 17 c/o la scuola secondaria di primo grado di Villa Guardia si è approfondito il tema della sicurezza informatica. 

E ancora:   lunedì 20, c/o la scuola dell’infanzia di Capiago Intimiano si è parlato di sicurezza stradale; martedì 21 c/o la scuola secondaria di primo grado “Don Carlo Baj” di Arosio si è affrontato  il tema della legalità; ieri, mercoledì 22, c/o la scuola secondaria di primo grado “Aldo Moro” di Como Prestino, si affronterà il tema del bullismo così come venerdì 24 c/o l’I.C. di Dongo.