Maroni: "Con il sondaggio sulla biglietteria i comaschi partecipano al futuro del lungolago"

COMO - Sono davvero numerose le proposte che i cittadini stanno avanzando a Regione Lombardia, partecipando al sondaggio lanciato dal governatore Roberto Maroni: l'oggetto è la destinazione da dare alla ex biglietteria della navigazione

"Nei prossimi giorni come promesso consegnerò al sindaco Mario Landriscina tutte le proposte per la futura destinazione della biglietteria della navigazione pervenute fino a quel momento, in modo tale ricevere anche il parere della nuova amministrazione di Como. Intanto, verranno eseguite le operazioni programmate di manutenzione della piattaforma, indispensabili per ripristinarne l'agibilità". Lo dichiara il presidente di Regione Lombardia Roberto Maroni, intervenendo in merito al sondaggio lanciato per chiedere ai cittadini di Como nuove idee per la riqualificazione degli spazi che sul lungolago un tempo ospitavano la biglietteria della navigazione.

"Sono molto soddisfatto - prosegue Maroni - per le proposte che mi sono pervenute, tutte interessanti e molte inattese e a ciascuna delle quali ho risposto personalmente. E' una bella dimostrazione dell'affetto che i cittadini di Como hanno per il proprio lungolago e della voglia di essere attivamente partecipi nelle scelte di questo progetto così complesso. Abbiamo ricevuto proposte da giovani e da meno giovani, da comaschi purosangue e da abitanti della provincia che frequentano il lungolago, da 'semplici' cittadini e anche da titolari di importanti aziende del settore turistico, così come da tecnici professionisti qualificati".

"Il sondaggio -continua il presidente Maroni - resta aperto senza scadenza. Le proposte più votate restano quelle della piattaforma panoramica e dell'ufficio informazioni turistiche. Ne abbiamo però ricevute altre, molto curiose ed interessanti. Tra queste voglio citare il 'pit stop mamme', il museo multimediale dedicato al Lago di Como, il punto vendita di prodotti comaschi, l'ufficio informazione sui musei cittadini, il punto di ristoro per ciclo viaggiatori".

"E ancora- conclude Roberto Maroni - il palcoscenico per spettacoli pubblici, l'installazione di un destination brand dedicato al Lago di Como, l'allestimento con totem multimediali, l'installazione con giochi d'acqua e di luce. Non mancano, infine, ragionate proposte sulla opportunità di ricollocare in quella sede la biglietteria della navigazione per rimuovere le attuali strutture provvisorie e di eliminare definitivamente la struttura risalente agli anni '60 per ripristinare la continuità del Lungolago appena restaurato. Avanti con le proposte".