Il Comune firma un protocollo per combattere la violenza contro le donne

COMO - Nei giorni scorsi l'amministrazione comunale, rappresentata dall'assessore Silvia Magni, ha firmato il Protocollo Interistituzionale per la promozione di strategie condivise e di azioni integrate finalizzate alla prevenzione ed al contrasto del fenomeno della violenza contro le donne.

Il Comune di Como, tramite l’assessore delegato Silvia Magni, ha sottoscritto il rinnovo dell’adesione al Protocollo Interistituzionale per la promozione di strategie condivise e di azioni integrate finalizzate alla prevenzione ed al contrasto del fenomeno della violenza contro le donne, per il triennio 2015- 2018, insieme alle relative Linee Guida per gli interventi di sostegno e di supporto alle donne che subiscono violenza, le procedure condivise per il pronto intervento e la scheda di monitoraggio del fenomeno. 

L’Intesa prevede il monitoraggio del fenomeno nel territorio della provincia di Como, percorsi di presa in carico e di uscita dalla violenza, formazione integrata degli operatori sociali, sanitari e delle forze dell’ordine, campagne sociali d’informazione e di sensibilizzazione della cittadinanza, azioni di prevenzione nelle scuole del territorio provinciale. 

In particolare, per questo triennio, verranno posti in essere i seguenti ambiti di sperimentazione:

- sistema informativo: implementazione degli strumenti disponibili (scheda di monitoraggio e scheda anamnestica), in raccordo con la Regione Lombardia, per una gestione integrata dei dati e del monitoraggio del fenomeno;

- dalla presa in carico alla vita indipendente: implementazione della modalità di presa in carico definita dalle Linee Guida con gli standard regionali definiti in sede di Conferenza Stato-Regioni in relazione ai percorsi di uscita dalla violenza;

- servizio per gli uomini che agiscono comportamenti violenti nelle relazioni affettive: attivazione di uno spazio per uomini che vogliono cambiare, attraverso colloqui individuali e percorsi di gruppo.

Le linee guida per interventi di sostegno e di supporto alle donne che subiscono violenza prevedono l’accoglienza, la valutazione del rischio e della sicurezza e si occupano anche delle modalità di rapporti con il soggetto maltrattante. 

I firmatari sono: Prefettura di Como, Provincia di Como, Questura di Como, Comando Provinciale dei Carabinieri di Como, Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia – Ufficio XII – Ambito Territoriale di Como, Azienda Sanitaria Locale di Como, Azienda Ospedaliera S. Anna di Como, Ospedale Fatebenefratelli di Erba, Ospedale Moriggia Pelascini di Gravedona ed Uniti, Ospedale Valduce di Como, Comune di Como, Comune di Mariano Comense, Comune di Cantù (Ufficio di Piano di Cantù), Comune di Como (Ufficio di Piano di Como), Azienda Speciale Consortile Le Tre Pievi Servizi Sociali Alto Lario di Gravedona ed Uniti (Ufficio di Piano di Dongo), Consorzio Erbese Servizi alla Persona di Erba (Ufficio di Piano di Erba), Azienda Sociale Comuni Insieme di Lomazzo (Ufficio di Piano di Lomazzo), Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona di Mariano Comense (Ufficio di Piano di Mariano Comense), Azienda Sociale Centro Lario e Valli di Porlezza (Ufficio di Piano di Menaggio), Consorzio Servizi Sociali dell’Olgiatese (Ufficio di Piano di Olgiate Comasco), Associazione InfraMente di Como, Associazione Telefono Donna di Como, Caritas Diocesana di Como, Caritas Diocesana di Milano, Centro Aiuto alla Vita di Como, Consultorio Familiare Icarus di Como.