Il Comune ai cittadini: termosifoni accesi, ma non più di 7 ore al giorno

COMO - L'autunno è arrivato e il freddo si fa già sentire anche nelle abitazioni? Nessun problema: l'amministrazione comunale, pensando alle categorie più a rischio, ricorda che è possibile accedere l'impianto di riscaldamento anche prima del 15 ottobre, ma per un massimo di sette ore al giorno.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

L'autunno è arrivato e subito si è fatto sentire: salutata l'estate, di colpo si sono abbassate le temperature. La differenza, in modo particolare, si sente nelle prime ore del mattino e nelle ore serali quando non è raro vedere gente in giro con il giubbino.

Anche nelle abitazioni, soprattutto se si sta fermi, capita di sentire il freddo tanto da essere passati in modo repentino a un abbigliamento già più di stagione.

Se in molti attendono con ansia l'arrivo del 15 ottobre, data stabilita per l'accensione degli impianti di riscaldamento, il Comune si è preoccupato fin d'ora delle condizioni dei cittadini, soprattutto di quelli appartenenti alle categorie più a rischio, avvertendo che è già possibile accendere il riscaldamento. 

Lo stesso Comune avverte che dal 15 ottobre al 15 aprile è possibile tenerlo acceso per 14 ore al giorno: al di fuori di queste date è consentita l'accensione, anche senza particolari ordinanze, ma per un tempo limite che non superi la metà di quello permesso nel periodo invernale. Quindi chi ha freddo può già accendere i caloriferi: massimo 7 ore al giorno.