Donna svizzera parla male dell'Italia: denunciata per vilipendio

COMO - Quando ha visto davanti a sé gli agenti che la volevano separare dall'altra donna con cui stava litigando, una svizzera di 35 anni ha avuto la pessima idea di continuare a mostrarsi ostile. E, non ancora soddisfatta, si è messa a inveire contro gli agenti e lo Stato italiano. E' stata portata in Questura e denunciata.

Nella serata di sabato, una pattuglia della Polizia di Stato, impegnata nel quotidiano controllo del territorio è intervenuta verso mezzanotte presso il Bar Pesa in Ponte Chiasso, ove era stata segnalata una lite tra due giovani avventrici.

Gli operatori della Volante hanno trovato all’esterno dell’esercizio commerciale due donne che si strattonavano a vicenda insultandosi. L’immediato intervento ha posto fine all’animata lite, ma mentre una si  è subito calmata completamente e ha seguito le indicazioni degli agenti, l'altra ha continuato a mostrarsi piuttosto agitata.

In particolare, mantenendo un atteggiamento piuttosto ostile, ha iniziato a inveire nei confronti degli agenti e dello Stato italiano. La donna, una cittadina svizzera di 35 anni, più volte invitata inutilmente alla calma, alla fine è stata portata in Questura e denunciata a piede libero per oltraggio, resistenza a pubblico ufficiale e vilipendio.