Condannato per associazione mafiosa e traffico di armi: estradato dalla Svizzera

COMO - Il Tribunale italiano lo aveva condannato in via definitiva a oltre 5 anni di carcere per associazione mafiosa e traffico di armi, ma di lui si erano perse le tracce: Fabrizio Ceravolo è stato trovato dalle autorità elvetiche che, giovedì mattina, hanno concesso l'estradizione

In Italia era ricercato dopo la condanna per associazione mafiosa e traffico di armi: lo hanno trovato gli Svizzeri e, nell'ambito della cooperazione bilaterale tra Polizia di Stato e autorità elvetiche, hanno concesso l'estradizione: Fabrizio Ceravolo, 46 anni, nella mattinata di giovedì è stato riconsegnato all'Italia.

Il Tribunale lo aveva condannato in via definitiva a 5 anni, 11 mesi e 24 gioni per associazione mafiosa e traffico di armi, sospettato di far parte di un clan della 'Ndrangheta operante nel basso Piemonte.

Come di consueto l'estradizione ha avuto luogo presso gli uffici della Polizia di Frontiera di Ponte Chiasso che dopo le incombenze di rito, fotosegnalamento e notifica del provvedimento, lo ha condotto in carcere.