Canturino scomparso a Dervio, ritrovato annegato nel lago

DERVIO - Dopo ore di ricerche il Nucleo sommozzatori dei Vigili del Fuoco di Como ha ritrovato il corpo di Giancarlo Pozzoli, ormai privo di vita, a una decina di metri di profondità. Il pensionato, residente a Cantù, sabato aveva detto alla moglie che voleva fare una passeggiata sulla spiaggia.

I timori hanno lasciato spazio alla tragedia e al dolore: Giancarlo Pozzoli, il canturino di 61 anni scomparso sabato a Dervio, è stato ritrovato annegato in profondità dai sommozzatori dei Vigili del fuoco.

L'uomo, ormai pensionato dopo aver trascorso una vita come tipografo, era in vacanza con la moglie in Valsassina e sabato, dopo un giro in paese, l'aveva salutata dicendo che avrebbe fatto una passeggiata sulla spiaggia. Si è quindi allontanato con costume e ciabatte.

Purtroppo la moglie  non lo ha più visto tornare: non ha potuto fare altro che dare l'allarme avvisando i Carabinieri. Le ricerche hanno avuto una svolta quando sulla spiaggia è stata ritrovata ieri mattina una delle sue ciabatte. A quel punto ha preso corpo l'idea che lui da quella spiaggia non si fosse mai allontanato.

La conferma, purtroppo, è arrivata dal Nucleo sommozzatori dei Vigili del Fuoco di Como che, dopo alcune ore di ricerche, hanno trovato il corpo ormai senza vita a una decina di metri di profondità. L'ipotesi considerata più credibile dai Carabinieri è quella di un malore improvviso che lo ha colpito mentre faceva il bagno.