Anziano non si accorge dell'incendio nell'abitazione, salvato dalla Polizia

COMO - Lunedì sera in via Sant'Arialdo da Cucciago è scoppiato un incendio in un'abitazione, ma il proprietario, un anziano di 81 anni, non se n'è accorto. Dopo la telefonata della vicina è stato portato in salvo dagli agenti di Polizia, raggiunti sul posto dai Vigili del Fuoco.

Scoppia l'incendio ma il proprietario dell'appartamento non se ne accorge: grazie alla tempestività dell'intervento della Polizia, poi raggiunta dai Vigili del Fuoco, P.A. di 81 anni viene messo in salvo e portato in ospedale per accertamenti.

La chiamata alla sala operativa arriva alle 22.15 di lunedì: una vicina di casa informa del principio di incendio in un condominio di via Sant'Arialdo da Cucciago. Quando la Volante arriva sul posto, gli agenti notano che sul balcone dell'appartamento, situato al piano rialzato, le fiamme stanno già divampando ai due lati.

Quando la vicina di casa racconta che con ogni probabilità l'anziano è in casa, gli agenti, senza attendere l'arrivo dei Vigili del Fuoco, recuperano l’estintore in dotazione al veicolo di servizio e quello presente sul mezzo del 118 appena giunto, cercando di domare le fiamme che, però, non accennano a diminuire. Fortunatamente di lì a qualche istante arrivano i Vigili del Fuoco che riescono a fare arrivare la Polizia fino alla porta di ingresso dell’appartamento per verificare lo stato di salute dell’uomo.

Dopo aver ripetutamente bussato alla porta gli agenti comprendono che l'anziano probabilmente non si è reso conto di ciò che sta succedendo e temendo il peggio si dirigono verso una delle finestre poste nelle immediate vicinanze del balcone, per cercare di entrare nell’appartamento e mettere in salvo il proprietario. Nel tentativo di smontare la persiana, per creare un passaggio all’interno, gli agenti si accorgono che il pensionato, forse dopo aver sentito rumori, ha aperto la porta d’ingresso. Sorretto dagli agenti, l’uomo, viene condotto all’esterno e visitato dal personale paramedico che, seppure non riscontrando nessun danno fisico lo accompagna per ogni ulteriore accertamento, presso l’Ospedale Valduce.

Esclusa la possibilità che l’incendio sia stato di origine dolosa i Vigili del Fuoco stanno ora procedendo alle verifiche per determinare l’esatta reazione chimica che ha provocato il divampare delle fiamme.