Agli arresti domiciliari, riceve i clienti in casa per vendere cocaina

ERBA - Essere finito agli arresti domiciliari non gli ha fatto cambiare condotta: un uomo di 30 anni residente in città è stato arrestato dai Carabinieri che, dopo aver fermato tre giovani in possesso di cocaina davanti alla sua abitazione, hanno fatto irruzione per una perquisizione domiciliare. Aveva non solo droga e banconote, ma anche un libro su cui annotava i suoi traffici.

Pur essendo agli arresti domiciliari, non ha rinunciato ai suoi traffici illeciti: un uomo di 30 anni, residente a Erba, sabato mattina è stato arrestato dai Carabinieri e portato al carcere Bassone di Como.

I militari già da qualche tempo nutrivano forti dubbi sulla sua attività di spaccio di sostanze stupefacenti. Non hanno impiegato molto per trovare le conferme: è stato sufficiente tenere d'occhio l'abitazione e controllare i movimenti dei frequentatori.

Così facendo hanno fermato tre giovani che avevano appena acquistato la cocaina. A quel punto i Carabinieri hanno rotto gli indugi e hanno bussato alla porta dell'uomo. La perquisizione domiciliare ha permesso di trovare altre dosi di droga già confezionate e pronte per lo spaccio, tutto il kit per il confezionamento, banconote per un importo complessivo di mille euro e addirittura un libro su cui annotava minuziosamente tutta la sua attività. 

Il pusher è stato portato al carcere Bassone di Como e messo a disposizione dell'autorità giudiziaria. I tre giovani fermati in prossimità della sua abitazione, invece, sono stati segnalati alla Prefettura quali assuntori di droga.