Lotta allo smog: il Comune abbassa i riscaldamenti e spegne i motori alle auto

LECCO - Da ieri, mercoledì 2 novembre, fino al 15 aprile 2017 sono in vigore misure restrittive disposte dal Comune per salvaguardare la qualità dell'aria. Fissati i limiti massimi per l'utilizzo degli impianti di riscaldamento. Motori spenti per le auto in sosta

Il Comune di Lecco dichiara guerra allo smog: da ieri, mercoledì 2 novembre, fino al 15 aprile 2017, sono in vigore alcune misure per contrastare l'aumento dell'inquinamento e per tutelare la salute dei cittadini.

Il provvedimento va in due direzioni. Una che riguarda gli impianti termici, con limite di accensione per un massimo di 13 ore giornaliere (tra le 5 e le 23) e temperature non superiori ai 17 gradi (con 2 di tolleranza) negli edifici adibiti ad attività industriali ed artigianali e assimilabili o ai 19 gradi (sempre con 2 di tolleranza) per tutti gli altri edifici, quindi abitazioni comprese.

E poi, naturalmente, misure anche per quanto riguarda le auto. Al momento, in assenza di segnalazioni particolari da parte dell'Arpa, vige solo il divieto di sostare con il motore acceso.

La misure, però, potranno subire un ulteriore inasprimento, sia per gli impianti di riscaldamento sia per la circolazione dei veicoli, in caso di superamento della soglia giornaliera consentita per le polveri sottili.