Il Comune avverte la Provincia: no a nuove condizioni sul battello spazzino

COMO - Sì all'utilizzo del battello spazzino per mantenere il livello di decoro nel Lario, purché la Provincia continui a pagare la sua quota per il gasolio e per lo smaltimento dei detriti. E' l'avvertimento della Giunta comunale che non vuole sobbarcarsi costi che spettano ad altri enti.

In un indirizzo approvato mercoledì 1 luglio dalla Giunta sul servizio di pulizia del battello spazzino, il Comune di Como risponde alla Provincia facendo sapere di essere disposto e interessato a proseguire ma solo a pari condizioni. 

Se Villa Saporiti dovesse confermare l’indisponibilità di risorse, per il pagamento del carburante e per il pagamento dello smaltimento dei detriti e di conseguenza tali costi ricadessero su Como, Palazzo Cernezzi non accetterà il rinnovo della convenzione. 

“A tali condizioni non possiamo accettare - spiega l’assessore all’Ambiente Bruno Magatti - Como non può sobbarcarsi il pagamento di costi altrui. Siamo disposti e interessati a proseguire il servizio solo se ci confermano le condizioni in vigore fino ad oggi. Aspettiamo una risposta dalla Provincia e stante i loro obblighi istituzionali ci aspettiamo che metteranno a disposizione le risorse”.